Checkin:
Notti: Persone: Prenota ora

Cosa visitare

Il palazzo comunale. Oggi sede del municipio di Opi, il palazzo venne costruito sul finire del 1600 come residenza della nobile famiglia Rossi per poi essere rimaneggiato durante il successivo secolo.

La chiesa di San Giovanni Battista. Nata come cappella privata della famiglia Rossi sul finire 1600, sorge accanto al palazzo comunale. È uno dei piccoli gioielli del barocco abruzzese.

La chiesa madre di Santa Maria Assunta. Situata nella parte alta del borgo, conserva la maestosa torre campanaria del XII secolo. La chiesa invece è stata ricostruita nel XVII secolo in pieno stile barocco con il bianco dominante degli intonaci e gli stucchi dorati.

Il Museo del Camoscio. Di vivo interesse naturalistico e scientifico, soprattutto per chi vuole saperne di più di uno dei protagonisti della fauna del Parco Nazionale d’Abruzzo. Inaugurato nel 1992, il museo è composto da tre sale dell’edificio signorile costruito dalla famiglia Bevilacqua tra la fine del 600 e l’inizio del 700.

Val Fondillo. Le rarità naturalistiche – come la grotta delle fate – e i verdi prati fanno della Val Fondillo uno dei luoghi più affascinanti del Parco Nazionale d’Abruzzo. Una gradevole escursione per chi vuole godere delle meraviglie della natura adatta ai grandi e ai più piccini.

Curiosità dal mondo dell’Arte:

Nel 1929 l’incisore olandese Maurits Cornelis Escher visitò le aree interne dell’Abruzzo e del parco nazionale realizzando con la tecnica litografica diversi disegni su cartoncino: uno di questi è intitolato Opi in Abruzzo.

Chiama
Prenota